NONAROTH

Persi i ricordi, Aegon è diventato un assassino. La sua vita è tutta nella Foresta delle Ombre, dove depreda e agisce senza scrupoli. Una notte, però, la sua lama si ferma davanti alle iridi bianche di una infante, trovata tra le braccia dell’uomo che ha appena ucciso.
Quella piccola è una strega, e del come faccia a saperlo non sembra importargliene nulla. Per lui la bambina significa solo una cosa: oro, e sa già chi glielo darà.

«Andiamo dove adorano gli dei del ferro e del fuoco. Dove uno con le mie capacità non farà fatica a sopravvivere. Dove sarai adorata come una dea, e non braccata come una strega.»
Marica strinse ancora di più le braccia intorno al suo collo. Appoggiò la testa stanca al suo petto.
«Sì, fratello. Fai di me una dea.»

RICHIEDI
Angelo-Berti-13-Nonaroth-Romanzo